Fonte: La Repubblica, 1 marzo 2020