QUINTO APPUNTAMENTO DI MUSICA CIVICA
DOMENICA 1° MARZO AL TEATRO “UMBERTO GIORDANO” DI FOGGIA
IN SCENA LO SCIENZIATO FOGGIANO FAMOSO NEL MONDO
GIUSEPPE QUERQUES
CON LA CONVERSAZIONE “LE MACULOPATIE: È POSSIBILE NON PERDERE LA VISTA” 

A SEGUIRE IL GRANDE CONCERTO SINFONICO DEDICATO A MAX BRUCH
NEL CENTENARIO DELLA MORTE
CON L’ORCHESTRA SINFONICA DI LECCE E DEL SALENTO DIRETTA DA
FILIPPO ARLIA
E TRE GRANDI SOLISTI INTERNAZIONALI:
KSENIA MILAS, OLEKSANDR SEMCHUK, DINO DE PALMA

Rende omaggio e attenzione non solo all’udito, ma anche alla vista, il quinto appuntamento dell’undicesima edizione della rassegna Musica Civica, che avrà luogo domenica 1° marzo al teatro “Umberto Giordano” (porta ore 17.30, inizio ore 18).

La prima parte dello spettacolo vedrà protagonista il medico e ricercatore foggiano Giuseppe Querques, famoso a livello internazionale per le sue ricerche sulle maculopatie, i disturbi della vista, ereditari o acquisiti, che colpiscono tante persone, soprattutto in età matura. Il dottor Querques, docente universitario e studioso che porta in tutto il mondo i risultati delle sue ricerche, parlerà dello stato dell’arte per quel che riguarda la prevenzione, la diagnosi e la cura di questo diffuso disturbo.

A seguire “Max Bruch: l’ultimo dei romantici”, omaggio al compositore tedesco nel centenario della morte. L’Orchestra sinfonica di Lecce e del Salento, diretta da Filippo Arlia, si avvarrà per l’occasione del M° Dino De Palma alla viola e di due straordinari violinisti russi, Ksenia Milas e Oleksandr Semchuk.

In programma la celeberrima Ouverture Le Ebridi, di Felix Mendelsshon, nota altresì come La grotta di Fingal. A seguire l’opera più famosa di Bruch, il Concerto n.1 in sol minore per violino e orchestra, interpretato da Ksenia Milas. Subito dopo Navarra di Pablo de Sarasate, pezzo di estremo virtuosismo, che richiede due solisti dalla tecnica formidabile, quali sono appunto la stessa Milas e Oleksandr Semchuk.

A conclusione, un altro brano di Bruch, il Doppio concerto per violino, viola e orchestra, eseguito da Semchuck al violino e Dino De Palma alla viola, entrambi accompagnati dall’Orchestra Sinfonica di Lecce e del Salento.

Una serata imperdibile sia per il suo interesse scientifico-divulgativo, sia per la qualità e il pregio dell’offerta musicale.

La rassegna Musica Civica, che quest’anno sta registrando il tutto esaurito ad ogni appuntamento, è organizzata dall’omonima associazione culturale foggiana presieduta dal M° Dino De Palma, ha la direzione artistica della direttrice d’orchestra Gianna Fratta e gode del sostegno dell’Unione Europea, della Regione Puglia – Assessorato all’Industria Turistica e Culturale -, del Comune di Foggia, del Teatro “Umberto Giordano”, oltre che di enti privati come la Fondazione dei Monti Uniti di Foggia, la Fondazione Apulia Felix, il Gruppo Salatto, l’azienda Capobianco, la Banca Mediolanum e l’azienda Fortore Energia. Questo evento della rassegna si avvale, inoltre, del supporto della Regione Puglia all’interno del “Programma di Promozione dei prodotti agroalimentari pugliesi di qualità ed Educazione Alimentare annualità 2020 – 2021”.