Fonte: La Repubblica, 19 gennaio 2019